Segui i miei Podcast!

Gruppi Facebook? Il boom delle community

Pubblicato da giusy888 il

Facebook, da parecchio tempo sembra stia spostando la sua direzione verso la strada dei gruppi! Probabilmente a breve sarà anche possibile fare sponsorizzazioni! Chiamiamoli gruppi o communities oggi stanno diventando una grande risorse di business sia per grandi Brand sia per le PMI. 

Perché i gruppi su Facebook funzionano?

Il principio su cui si basa Facebook è proprio quello delle interazioni tra le persone, ecco perché entra in campo il gruppo, che risulta essere uno strumento fondamentale per creare relazioni e interazioni. 

Ecco quindi che proliferano i gruppi o communities su Facebook, da quelle più seguite a quelle meno! Ma la domanda che tutti mi fanno sempre è: gruppo o pagina?
E io rispondo: entrambi!
Se vuoi fare una buona comunicazione devi averli entrambi.
Se hai un’azienda non puoi non avere una pagina (anche perché sponsorizzi da lì), devi costruire un percorso di affidabilità sui tuoi prodotti, servizi, ogni Brand deve avere una Pagina Professionale. Il gruppo lo fai qualora hai qualcuno che lo segua, investi per popolarlo, hai un team di moderatori e amministratori che gestiscano i contenuti e le interazioni all’interno del gruppo e sopratutto quando hai contenuti di qualità, tematiche di settore da condividere con il tuo gruppo. Come anche la pagina se il gruppo non lo alimenti, costruisci e segui meglio non averlo.
Quindi fatti consigliare da un consulente prima di aprire un gruppo a casaccio.

Il gruppo per un Brand, per un’azienda che utilità ha? 

Customer Care! Consente alle persone che lo popolano di scambiarsi opinioni, idee su un prodotto o servizio. Consente di fare indagini di mercato, consente di fidelizzare al massimo i tuoi membri e sopratutto di creare strategie di up-selling e cross-selling su clienti che già ti conoscono ed hanno acquistato.

Vediamo 6 buoni motivi per creare un gruppo Facebook!

  1. Chi entra all’interno di un gruppo lo fa perché ritrova in quel gruppo di persona, se stesso i suoi interessi o riconosce dei valori pertinenti alla sua vita, al suo lavoro, al suo studio, quindi persone affini a quel gruppo, che già conoscono l’argomento o vogliono conoscerlo.
  2. Il gruppo ha un approccio meno freddo rispetto ad una pagina, ha una comunicazione diversa, meno formale.
  3. Su un  gruppo Facebook, ogni qualvolta si pubblica qualcosa all’interno della community, arriva una notifica ai membri del gruppo  sul nuovo post, tip in questione.
  4. Il gruppo consente di conoscere il nostro pubblico attraverso sondaggi mirati
  5. Il gruppo avvicina l’azienda e il consumatore creando una relazione più stretta, rispetto ad una pagina
  6. All’interno del gruppo si ha la percezione che nessuno voglia vendere o imporre un prodotto, ma più che altro spiegarlo, diffonderlo o semplicemente conoscerlo.

Il gruppo Facebook in generale viene, concepito come un luogo in cui chiedere aiuto, scambiarsi opinioni, condividere esperienze, un posto dove il fattore umano, conta di più in base ai valori che un’azienda vuole trasmettere e portare avanti sulla propria comunicazione.

Alla domanda “mi consigli di aprire un gruppo, visto le intenzioni future di Facebook?” Rispondo sì, a condizione che tu sia preparato a gestirne sia i contenuti sia i membri che ne fanno parte. Per quanto possa sembrare semplice, non lo è. Popolare un gruppo è la cosa più difficile! Ecco quindi che voglio darti una strategia!

  • Crea il team che gestirà il tuo gruppo all’inizio bastano anche : 2 moderatore e un amministratore
  • Elabora un piano editoriale in cui programma i contenuti, tips giornalmente che vuoi pubblicare
    (mi raccomando, specialmente all’inizio è fondamentale dare contenuti giornalmente, in modo da far capire ai membri, che tipo di contenuti all’interno troveranno)
  • Imposta un regolamento, fissandolo in alto
  • Scrivi i tuoi tips utilizzando emoticon e sopratutto schematizzando gli argomenti (Ricorda che quando scrivi devono capirti tutti, non solo il 30% dei membri)
  • Inserisci all’interno del tuo sito il collegamento al gruppo con una call to action-> Unisciti alla Community 
  • Condividilo all’interno della tua pagina Facebook
  • Se hai delle liste di email, invia a tutti un email mettendoli a conoscenza della nuova community, invitandoli a unirsi al gruppo, accennando i contenuti esclusivi che troveranno all’interno
  • Crea una Landing Page affine alla tematica, prodotto o servizio e all’interno spingi ad unirsi al gruppo con una Call to action -> Unisciti alla community
  • Crea una campagna di traffico su questa Landing con un pubblico in target (se possiedi dati di clienti, crea una lista e crea un pubblico personalizzato oppure un pubblico simile ai seguaci della tua pagina. (primi 15 giorni)
  • Crea una campagna di traffico/conversione con un pubblico di retargeting che hai ottenuto in precedenza dalla prima campagna. (10 giorni, dopo la prima campagna di traffico)

Fai in modo che almeno all’inizio, il tuo pubblico sia popolato, ma sopratutto alimentalo di contenuti giusti e capisci quali contenuti apprezza rispetta ad altri.

Nei primi mesi investi anche solo 150,00 euro al mese per popolarlo, è importante che sia popolato e per farlo devi investire in Facebook ads, supportate da campagne di mail marketing, siti, blog e magazine di settore.
Ma sopratutto non dimenticare, che per diventare una vera risorsa di business , devi lavorarci costantemente e attivamente. Avere un gruppo su Facebook, vuol dire inserire dirette live, webinair, vlog, tips e contenuti, tenere sotto controllo i membri, le loro domande e i loro comportamenti. Non lasciarti prendere dal boom del momento, se vuoi farlo è il momento giusto per iniziare, ma fallo seguendo una strada giusta!

Categorie: BlogFacebook

2 commenti

Damiano Fiore · 9 Febbraio 2018 alle 11:44

Un buon articolo.

    giusy888 · 9 Luglio 2018 alle 16:54

    Grazie mille!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *